Mortadella Bologna Bio preaffettata - Salumificio Pedrazzoli
23179
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-23179,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
 

Mortadella Bologna Bio preaffettata

Linea PrimaVera Bio

Mortadella Bologna Bio preaffettata

 

Qualcosa in più sulla nostra Mortadella Bologna Bio IGP:

 

CENNI STORICI: Chiamata anche soltanto “Bologna” (città da cui trae le origini), è nata nel Trecento, forse per merito dei monaci, forse grazie ai norcini della corporazione dei Salaroci. L’origine del nome non è chiara. Deriverebbe dal nome latino “farcimen murtatum”, salsiccia aromatizzata al mirto, o dal termine latino mortarium che stava a significare il mortaio con cui si tritava la carne di maiale nel pestello.. Nel museo archeologico di Bologna si trova una stele di epoca romana che mette in evidenza un pastore che accompagna dei maiali con in mano un mortaio e pestello. Anche questo salume era un sistema di conservazione della carne di maiale nel tempo. La tecnica di produzione viene resa ufficiale dal cardinale Farnese solamente nel 1661, il quale decretava che si dovesse utilizzare solo carne di maiale. Probabilmente il primo vero disciplinare di produzione di un alimento nella storia.

 

LAVORAZIONE: Si ricava da un misto di carni e di grasso di gola tagliato a cubetti, scaldato, lavato in acqua e sgocciolato. Il tutto è macinato a grana fine e condito con sale, pepe intero e in pezzi; è possibile aggiungere aromi, pistacchi. La mortadella è quindi sottoposta a una lunga cottura in forni ad aria secca. Dopo la cottura, la mortadella va rapidamente raffreddata. Di forma ovale o cilindrica, al taglio ha superficie vellutata e colore rosa vivo uniforme; nella fetta devono essere presenti in quantità non inferiore al 15%quadraturedi tessuto adiposo bianco perlacee. La mortadella bio non prevede nella sua ricetta il trippino. Ne risulta un prodotto più alleggerito.

 

ABBINAMENTI CONSIGLIATI: In cucina è considerata un prodotto davvero eclettico. Può essere consumata in purezza, tagliata nei classici cubetti o fettine sottili, accompagnata con pane a pasta dura o, per un gusto più deciso, accompagnata con l’aceto balsamico tradizionale. Ha abbinamento vinicolo con Vini rossi, meglio se vivaci o frizzanti come il Lambrusco di Sorbara.

 

DISPONIBILE NEI FORMATI: Intera sottovuoto da 7 kg (senza pistacchi) – metà sottovuoto da 3,5 kg (con e senza pistacchi) – Ovalina metà sottovuoto da 0,35 kg (senza pistacchi) – Affettata in vaschetta da 100 gr.

 

PECULIARITÀ

Privo di derivati del latte
Senza polifosfati aggiunti*
Senza glutine
Inserito nel prontuario dei celiaci
Senza Trippino
*A norma del disciplinare biologico