Il Dosso - Prosciutto San Daniele del Salumificio Pedrazzoli - Linea Q+
23365
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-23365,,select-theme-ver-3.8.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive,cookies-not-set
 

Il Dosso – Prosciutto San Daniele

Linea Q+

Il Dosso – Prosciutto San Daniele

Qualcosa in più su Il Dosso – Prosciutto San Daniele della Linea Q+ by Salumificio Pedrazzoli:

Proveniente da una storia antica, via via nel tempo il san Daniele è divenuto un protagonista indiscusso dell’alta enogastronomia italiana ed è riconosciuto come Denominazione di Origine Protetta con produzione riservata ai confini comunali di San Daniele, in Friuli Venezia Giulia.  Le cosce, rifilate dal grasso e dalle nervature, sono conciate con sale, massaggiate per svuotare la vena femorale e pressate per meglio amalgamare la parte magra e quella grassa e per dare la classica forma a violino. Dopo 3 mesi in celle di riposo, il prosciutto è posto a stagionare per un periodo variabile secondo il peso ma che, in genere, non è mai inferiore ai 14 mesi. Una delle principali differenze con il Parma è che il San Daniele viene salato con lo zampetto per facilitare le spurgature di eventuali difetti del gambo. Anche il principio di utilizzo del sale è differente; nel San Daniele viene dosato in base al peso del prosciutto ed è completamente a secco. Nel Parma l’ utilizzo del sale è a secco sulle parti magre e semi umido sulla cotenna. Il sale utilizzato secondo il metodo dell’esperienza è tenuto sul prodotto in base a specifici gg di sale.

ABBINAMENTI CONSIGLIATI: Per assaporarlo al meglio si consiglia di affettarlo sottilissimo. Deve praticamente sciogliersi in bocca. In cucina si usa al naturale o in abbinamento con frutta fresca dolce. In campo vinicolo, si suggeriscono abbinamenti con vini bianchi giovani. Interessanti accostamenti si realizzano con quelli a base di Malvasia istriana o Sauvignon.