Il Poggio - Prosciutto di Parma - Salumificio Pedrazzoli
22741
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-22741,,select-theme-ver-3.8.1,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive,cookies-not-set
 

Il Poggio – Prosciutto di Parma

Linea Q+

Il Poggio – Prosciutto di Parma

Qualcosa in più su Il Poggio – Prosciutto di Parma.

Già in epoca romana le cronache parlano di agricoltori che allevavano nelle pianure paludose padane grandi mandrie di porci e producevano prosciutti salati. Nella zona di Parma, la presenza di zone particolarmente ricche di miniere di sale, come Salsomaggiore, permise la tecnica di conservazione tramite salatura che si mantiene ancor oggi. L’origine della parola prosciutto potrebbe derivare dal latino “perex suctum”, che significa “prosciugato”, e dal dialetto locale “par siut”  significa “sembra asciutto”

Il Poggio – Prosciutto di Parma è un prosciutto crudo esclusivo presentato con osso, dal caratteristico colore roseo e dall’inconfondibile sapore dolce. Per preparare questo prosciutto sono state selezionate le cosce migliori del suino pesante italiano allevato oltre i 180 kg con una dieta studiata per conferire maggiore salubrità e dolcezza al principale prodotto della più alta salumeria italiana. Particolarità del poggio è la sua affinatura prolungata nel tempo, almeno 2 anni.

 

ABBINAMENTI CONSIGLIATI: In cucina si consuma crudo, come antipasto, tagliato più o meno fine secondo i gusti, tuttavia non mancano numerose ricette che lo vedono protagonista anche in preparazioni più complesse, come quella dei classici tortellini. Dà il meglio di se al naturale o in unione a frutta fresca come fichi o meloni.

Il prosciutto crudo di Parma trova buon abbinamento con vini bianchi aromatici, anche leggermente mossi, come il Malvasia dei Colli di Parma o il Malvasia istriana, ma non disdegna l’abbinamento con vini rossi, leggeri e fruttati.

PECULIARITÀ
Stagionatura minima 24/30 mesi